Pasticciotti leccesi

Era impossibile che io non li rifacessi. Praticamente i Pasticciotti di Tamara sono diventati famosi come la farfallina di Belen 😀 solo che i pasticciotti sono molto, ma moooolto meglio. E difatti ci siamo tutti adoperati per rifarli: Emmettì, Maya, Piero…e anche la sottoscritta.

Domenica a pranzo a casa dei miei, apatia e malessere di come mi succede sempre la domenica. Due ore e mezza prima di uscire per un appuntamento: poche per fare altro, troppe per lasciarle in disuso. Che faccio? I pasticciotti!!!
Metto insieme la frolla, la riposo, faccio la crema, esco la frolla dal frigo, la stendo, formo, inforno e zacche!! ne metto un pezzo in bocca ancora bollente, anche se non ho fame.

Il mio primo pensiero è: vabbé, è tutto crema, che sarà m…

Non riesco a finire la frase, perchè nelle mie papille gustative si sprigiona qualcosa di proibitivo, peccaminoso, di assolutamente paradisiaco. Mi si chiudono gli occhi. Do segni di cedimento.

E sapete cos’è? 

E’ l’aroma, il gusto speciale, della frolla con lo strutto: che non ti arriva appena addenti, arriva dopo pochi secondi…e tocchi il cielo con un dito!
E’ tardi, è tardi, ne metto un paio in un contenitore, me li porto via, baci baci, ciao a tutti
La sera raggiungo la mia casetta solitaria e i pasticciotti nel loro contenitore sono ancora tipidi. Mangiarli mi fa venire le lacrime agli occhi, penso al film Mine Vaganti dove la Nonna  diabetica decide di lasciarsi morire ingozzandosi di dolci appositamente comprati per infliggersi la morte. 
Forse – penso – un dio esiste, e se esiste si sta facendo certamente il bagno nei pasticciotti 😀

___________________

Questi pasticciotti sono per te, Tamara,
Per augurarti, con un pochino di ritardo,
Buon Compleanno!

____________________

Ingredienti:

500 gr di farina 00
220 gr di strutto
220 gr di zucchero
1 uovo
2 tuorli
Un cucchiaino di lievito
Un pizzico di sale
Zeste di un limone

Crema pasticcera (la mia qui)

Procedimento:

Impastate insieme tutti gli ingredienti per la frolla, ottenendo un impasto omogeneo, senza lavorarlo troppo.
Formate una palla, avvolgetela nella pellicola e fatela riposare una mezz’ora in frigorifero.
Intanto preparate la vostra crema pasticcera
Tirate fuori la frolla e stendetela su un piano leggermente infarinato 
Ricavate dei cerchi più grandi per foderate gli stampini e dei cerchi più piccoli che possano fungere da tappo. 
Foderate gli stampini, riempiteli di crema e coprite con il tappo di frolla, sigillando i bordi. 
Infornate a 180° fino a cottura (circa 30 minuti)


38 Responses to Pasticciotti leccesi

  1. FrammentAria says:

    tesoro….. grazie…. ma che bello!!!!
    un bellissimo regalo, di quelli che piacciono a me, che mi fanno sciogliere come la frolla di strutto in bocca, che non sono "acquistabili" ma quantificabili sì, con l'affetto.
    Tesoro GRAZIE!
    ti abbraccio stretta stretta!!!
    :'-)

  2. Federica says:

    Ti do ragione, la frolla con lo strutto è qualcosa di unico. anche se a tanti si drizzano i capelli a sentire “strutto” nemmeno fosse il demonio
    Ma quanno ce vo’ ce vo’
    E qui…CE VO’
    Mi hai detto una bellissima ide per la mia mamma domenica
    Un baciotto bimba, buon we

  3. Lo Ziopiero says:

    Oddio, son piegato in due!!!
    "i pasticiotti famosi come la farfallina di Belen!!!"
    Ma come te vengono, PinottA? 😀 😀 😀

    Per il resto posso solo che sottoscrivere quanto da te affermato: "si sprigiona qualcosa di proibitivo, peccaminoso, di assolutamente paradisiaco".

    …e pensare che è un semplice pasticciotto!!! :)))

    p.s. bellissime anche le 2 foto, l'ultima soprattutto.

    BaScioni

  4. Che voglia di provarne uno subito, questo w.e. mi hai tolto il dubbio su quale dolce fare….Grazie!

    P.s. Sto ancora ridendo per la frase "pasticiotti famosi come la farfallina di Belen"…ahahahahahah!!!
    Baci da Enrica di Chiarapassion

  5. Ok, è deciso, li voglio fare anche io!!! Mi hai messo l'acquolina in bocca a leggerti!

  6. Patty Patty says:

    Ma quanto mi hai incuriosita???? Ma dopo che li ho mangiati mi devo fare anche la farfallina come Belen? Un bascio Michè!

  7. Eleonora D says:

    :-))))
    che bel post, ironico dall'inizio alla fine.
    e pure le foto sprigionano allegria.sono un invito ad addentare quel mezzo pasticciotto che hai lasciato lì…
    la frolla allo strutto l'ho provata…ma come sai,mi manca da provare l'abbinamento alla crema…sicuramente lo farò!
    ma…rischio! anche se non sono diabetica,so già che rischio di morire ingozzandomi di dolci!e a differenza della nonna del film…dolci cucinati da me!!!! :-)))

  8. Berry says:

    Ossignore Michelina mia, ma tu attenti alla mia vita, alla mia sopravvivenza, alle papille gustative che si sono emozionate solo al leggere gli ingredienti e delle tue esclamazioni di godimento!
    Quanto vorrei avere unoooooooo! Possibilmente latte di soia nella crema, grazie.
    Ti bacio tesoro!

  9. Tu non lo sai, ma ho la ricetta dei pasticciotti salvata sul telefono pronta per essere messa alla prova. Vicino a casa c'è un forno pugliese e ogni tanto o io o Flavia torna a casa con questa meraviglia. E' ora di riprodurli! *_*
    Sulla farfallina di Belen son morta xD
    Love you! :***

  10. Roberta says:

    Oooooohhhhhhh….mai provata la frolla con lo strutto ma se me lo dici tu mi fiso alla grande, fammelo solo trovare!
    Baci pasticciotto bello!!!

  11. m4ry says:

    Secondo me io, nell'anima sono Salentina…i pasticciotti…che meraviglia…
    Ti sono venuti spettacolari..io non ho mai usato lo strutto..però, mi hai incuriosita con la tua descrizione del primo assaggio..
    Baciotti bella mia <3

  12. Luca Monica says:

    E no come si fa…non posso rifare anche questi…poi altro che km sul tapiroulant….mi ci legano come un criceto!!!!!
    Fantastica come sempre…sembrava di vederti con la faccia goduriosa nell'assaggio del pasticciotto!!!!!

    Un abbraccio e buon fine settimana
    monica

  13. Francesca says:

    la frolla con lo strutto è la mia nuova droga.
    mo tocca a me farli 😀
    peccaminosi baciotti leccesi

  14. Silvia says:

    Che meraviglia 'sti pasticciotti! Da fare assolutamente.

    Le foto, che foto! Pure loro inebriano!

    :-*

  15. Mamma mia che golosata pazzesca!! Mi fai venire in mente la mia vacanza nel Salento di qualche anno fa; tutte le mattine a colazione mi trovavo questi pasticciotti ancora tiepidi …. mamma!!!! Bravissima Michela e le foto sono bellissime.
    Buon week end

  16. E dopo le frise, sglutinerò anche i vostri pasticciotti…e mi rimpinzerò ben bene!!! Pazienza per la linea, quest'estate andrò al mare con la muta!!! 😉
    Aspetta a breve mie notizie!
    Tanti baci, Ellen

  17. Maya says:

    Ma ma ma…ma me li ero persi! Eccezionali non trovi michi..e poi sono esattamente come quelli che mangi in loco. La frolla è di una fragranza unica. si sciolgono in bocca! concordo con Piero..bellissime anche le foto!

  18. Maria Teresa says:

    Michela!!!!!!!!!!!!!!!
    Grazie per avermi nominata in questo post…; mi hai commossa!!!!
    :* :* :*

  19. Ore 23:55 ho approntato A frolla con strutto…domani finalmente farò pure i pasticciotti e se c'è la faccio ti invio le foto. Mia nonna faceva una semplicissima focaccia con lo strutto, cotta su forno a legna….già da cruda il profumo particolare dello strutto mi ha fatto tornare indietro nel tempo….

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *