Finte kinder brioss con lievito madre

Kinder brioss copia

Era da un bel po’ che ci giravo intorno. Ho fatto un paio di tentativi ma non mi avevano soddisfatta abbastanza, quindi avevo un pochino abbandonato l’idea.

Poi invece ci ho riprovato….e stavolta il risultato è piaciuto tanto, così eccole qui: merende simili a quelle che vendono in commercio, nella forma, ma molto diverse nella sostanza: qui non abbiamo conservanti, non abbiamo olio di palma, non abbiamo alcool per la conservazione. Insomma, inutile dirlo, o forse no, che ciò che ci prepariamo in casa è sempre più salutare di ciò che compriamo al supermercato. Specie poi quando parliamo di merende che magari possono essere consumate con più facilità dai bambini.

Ogni volta che mi capita occasione di parlare con qualcuno di questa mia passione, mi viene sempre fatta la stessa domanda: e il tempo? Oggi si va tutti di fretta, il tempo per mettersi a panificare, cucinare, conservare non c’è.

La mia risposta è sempre la stessa: il tempo sei tu che decidi come investirlo, a cosa dare priorità. Io non passo tutto il giorno in cucina: lavoro a tempo pieno, ho i problemi che più o meno hanno tutti e in questo periodo anche di più. Vado di fretta, come tutti. Poi però nel tempo libero del fine settimana cerco di incastrare delle preparazioni che permettano a me e alle persone che amo di mangiare cose più genuine. Magari rinuncio ad un’altra cosa e do priorità a quello. Che poi anche lì…è questione di sapere gestire bene il tempo, credetemi.

La cucina è amore per noi e per le persone che amiamo. Attraverso la cucina, in fondo, ci prendiamo cura di noi stessi.

Allora se vi va, vediamo insieme come ho realizzato queste merende 🙂

Testi e Ricetta © Michela De Filio

*****

Ingredienti per circa 30 merende:

Per il prefermento

100 g di pasta madre

50 g di farina 0

50 g di acqua

Per l’impasto

450 g di farina di tipo 1 macinata a pietra

150 g di latte

130 g di zucchero

100 g di burro

50 g di panna fresca liquida

2 g di sale

2 tuorli

1 uovo

1 cucchiaino di estratto di vaniglia

Per la farcitura

250 g di latte intero

250 g di panna liquida

200 g di latte condensato

60 g di burro

80 g di farina

50 g di cioccolato fondente

Procedimento:

ore 13.00

Nella ciotola della planetaria, sciogliete il lievito madre nell’acqua, aggiungete la farina e mescolate bene.

Coprite con pellicola e lasciate fermentare.

Ore 20.00

Nella ciotola della planetaria aggiungete parte della farina e del latte, quanto basta per fare massa.

Lasciate lavorare alla minima velocità, quindi aggiungete la panna liquida piano piano, il latte rimanente e qualche di cucchiaio di farina, insieme all’estratto di vaniglia.

Ora inserite farina, uova e zucchero alternandoli poco per volta fino ad esaurirli, stando attenti a non perdere mai l’incordatura.

Fermate la planetaria e con una spatola flessibile ribaltate l’impasto nella ciotola.

Ora aumentate un pochino la velocità della planetaria e inserite il burro, un fiocchetto per volta, fino a che sarà tutto ben assorbito.

Infine, inserite il sale.

Rovesciate l’impasto su un piano da lavoro e arrotondatelo.

Inseritelo in una ciotola, coperto di pellicola e lasciatelo lievitare tutta la notte.

Ore 8.00, mattino successivo

Preparate un foglio di carta forno delle misure della teglia che vorrete utilizzare e ponetelo sul tavolo.

Rovesciate l’impasto sulla carta forno e oliate il mattarello.

Stendete l’impasto a forma rettangolare, fino ad ottenere una mattonella dello spessore di 1 cm.

Copritelo e lasciatelo riposare 2 ore.

Accendete il forno a 200°, portatelo a temperatura e infornate.

Cuocete per circa 30/40 minuti.

Sfornate e lasciate raffreddare completamente, preparando intanto la farcitura.

Per la farcitura

In un tegame scaldate il latte insieme al latte condensato.

A parte, unite il burro sciolto a bagno maria con la farina, quindi unite il composto al latte caldo, agitando bene con una frusta fino a che non si sarà addensato il tutto.

Lasciate raffreddare completamente.

A parte montate a neve ferma la panna e con una spatola unitela in modo delicato al composto di latte raffreddato.

Finitura

Rifilate completamente i bordi in modo da squadrare la mattonella.

Prendete il rettangolo di impasto, e con un coltello a lama lunga ricavatene due strati.

Farcite i due strati con la crema al latte.

Ora tagliate le merendine a forma rettangolare e poi decoratele con strisce di cioccolato fondente sciolto a bagnomaria (vi servirà una sac a poche con beccuccio a punta fine).

Si mantengono bene fino a 5/6 giorni in frigorifero.

NOTA BENE: i ritagli della mattonella di impasto potete chiuderli in un sacchetto e dopo qualche giorno realizzarci qualche dolcetto da riciclo, come ad esempio i cake pops 🙂

Kinder brioss 2 copia

Kinder brioss 3 copia


19 Responses to Finte kinder brioss con lievito madre

  1. Simona says:

    Che meraviglia Michela!!!! Sarebbero perfette adesso per merenda!! 🙂
    un bacione

  2. Gaia says:

    Ti stai preparando con parecchio anticipo per le merendine SANE del tuo fagiolino!!
    :-*

  3. tiziana says:

    ma allora!!!! ma come fai!?!? strepitose queste pastine Micki, mi piacciono tantissimo, riesci sempre a stupirmi!!! certo la lavorazione è piuttosto lunghetta ma di sicuro il risultato ripaga alla grande!!! un grossissimo bacione

  4. Io ti adoro. E non solo per questo risultato. A dire il vero, visto che non ho mai amato quella brioche, trovo che la tua sia decisamente su un altro pianeta e che possa assolutamente innamorarmi anche di questo genere di dolce, ma io ti adoro per l’introduzione. Anche a me viene detto “ma il tempo” e io ribatto sempre dicendo che mi divido tra più lavori e che la cucina sana non è questione di tempo, ma di dispensa e di pensiero. E allora appoggio in pieno la tua scelta di dedicare il tuo tempo libero alla salute e alla genuinità. E tutto questo non arricchisce solo te. Ti garantisco che tutto questo arricchisce tanto anche me. Grazie, grazie, grazie.

  5. Sonia says:

    sono senza parole! delle merendine magnifiche! mi son permessa di salvare la ricetta e quando avrò trovato il coraggio di rifarle GF, dubito però che potrò farle così perfette! grazie e buona serata.

  6. Eleonora says:

    che delizia…
    i dolci da colazione/merenda mi piacciono tanto. E queste brioche ti sono davvero venute benissimo, morbide e golose.
    la faccenda del tempo…eh già…sembra sempre poco ma in qualche modo ce la facciamo a trovarlo per creare le nostre bontà! e tutto perchè c’è passione!
    un abbraccio Michi!

    • Michela says:

      Forse la passione è l’ingrediente principale…certo se non mi piacesse pasticciare, forse non sarei nemmeno qui 🙂

      Tu poi fai anche più di me, quindi sfondo una porta aperta 🙂

  7. zia Consu says:

    Hai perfettamente ragione. Quando si ha una passione si riesce sempre a trovare il tempo x goderne 🙂
    Sono felice che questo tentativo sia andato a buon fine, l’aspetto è delizioso e invidio i tuoi assaggiatori ^_^ (anche il fagiolino, eh!!!)

  8. paola says:

    perfette,più buone di quelle che vendono,complimenti,felice sera

  9. Silvia Brisi says:

    Hai ragione Michela, il tempo libero uno sceglie come investirlo!!
    Grazie per questa ricetta, le voglio provare!!
    Buona settimana!!

  10. Guarda io non posso che condividere in pieno quello che hai scritto; io ho sempre lavorato a tempo pieno, con casa, figlia, spesa e tutto quello che ci vuoi aggiungere. Ho sempre vissuto di corsa, presa da mille incombenze e problemi di ogni genere. Eppure mia figlia è cresciuta con sane merende fatte da me, con prodotti genuini ed è un ottima cuoca, visto che sono riuscita a trasmettergli l’amore per la cucina. Il tempo si trova … basta volerlo e sapersi organizzare. Queste brioche sono splendide, esteticamente molto simili alle originali ma SO per certo che saranno mille volte più sane e buone, ne sono certa. Bravissima tesorino. Un abbraccio a te e un bacino a Matteo. ♥

  11. Samantha says:

    Sono la solita ….ata senza lievito madre. Visto però che conosco, perché testata, l’attendibilità delle tue ricette, come mi consigli di procedere con il LDB?
    Grazie per le tue proposte sempre allettanti.
    Samantha

  12. elenuccia says:

    Il tempo si trova sempre se si vuole. E’ solo questione di volere una cosa. Ma veniamo alle cose serie. Appena ho visto la foto su FB sono rimasta incantata. Che meraviglia hai sfornato Michela. Sforni sempre meraviglie ma questa volta mi hai colpito al cuore, forse perchè da piccola amavo tanto queste merendine.

  13. Sara says:

    Bhe che dire…chapeau….ti sono venute IDENTICHE! che voglia mi hai messo…sai? hai ragione..ognuno il suo tempo libero decide di spenderlo per le cose che ritiene prioritarie…
    per me non è infatti questione di tempo..ma di ispirazione…e al momento sento il vuoto..ma la mia passione è cosi..a volte è forte e persistente..altre non ce la posso fare!!! ci sono abituata e mi va bene cosi!
    Ti abbraccio :*

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *